Cosa mangiamo a Marzo?

Mercoledì, 27 Marzo, 2013
Marzo è il mese che di solito preannuncia l’inizio della primavera, se tutto va bene e invece non prolunga il freddo inverno.
Sappiamo bene che sarebbe consigliato mangiare frutta e verdura di stagione anche se quando andiamo al supermercato ormai si trova di tutto in qualunque stagione.
 
Una breve lista della frutta e verdura di stagione  per il mese di Marzo per aiutarvi ad indirizzarvi verso quello che la natura offre secondo le stagioni.
 
Le verdure di queste mese sono broccoli, cime di rapa, cavolfiore, cavolo cappuccio, verza, cavolo, spinaci, cavolini di Bruxell e coste. Queste le verdure di fine inverno che lasciano il posto alle prime verdure primaverili come asparagi, carciofi, cardo, cipollotti, radicchio, lattuga, finocchio, crescione,  rapa, ravanello, porro e tarassaco. 
Per quanto riguarda la frutta consigliamo di approfittare delle ultime arance e attendere l’ormai prossimo arrivo di mele, pere, kiwi, banane e mandarini.
 
Spinaci, broccoli, cipollotti e verdure a foglia verde sono in genere raccomandate per il loro contenuto in acido folico importantissimo durante la gravidanza; il cavolfiore è ricco in magnesio e come tutte le verdure appartenenti alla famiglia delle Crucifere (tutti i cavoli in generale) sono ricchi in acido folico e fibre ed hanno in genere proprietà depurative. Gli asparagi ed i carciofi sono anch’essi ottimi depuratori e disintossicanti per il fegato e hanno inoltre proprietà antiossidanti. L’asparago inoltre contribuisce alla diuresi permettendo così l’adeguata eliminazione delle tossine. Il tarassaco ha proprietà epatoprotettive.
 
Arance, kiwi  e mandarini conosciute per la loro alta concentrazione di Vitamina C, si raccomanda di consumarli appena spremuti o subito appena sbucciati in quanto la Vitamina C subisce rapida degradazione a contatto con la luce. Mele e pere hanno invece proprietà disintossicanti per l’apparato digerente. La mela contiene la pectina che contribuisce ad abbassare il tasso di colesterolo nel sangue. La pera è anch’essa ricca di vitamine A, C e del gruppo B, è utile per rafforzare i capillari e prevenire l’ipertensione, è consigliata a chi soffre di iperglicemia per l’alto contenuto di levulosio, zucchero ben tollerato dai diabetici.
 
La ricetta :
Spaghettini con cavolfiore
Ingredienti per 2 persone:
1 cavolfiore piccolo
150 gr. spaghetti spezzati
olio extravergine d’oliva
sale
 
Procedimento:
Pulite e lavate il cavolfiore.
Tagliate le singole cime di cavolfiore in 2 parti e poi tagliatele a pezzetti molto piccoli. Quando avrete ridotto a piccoli pezzi tutte le cime di cavolfiore, buttatele nell’acqua che bolle.
Salate e lasciate cucinare.
Quando il cavolfiore sarà cotto togliete l’acqua in eccesso (se ce n’è) e rendete una parte di cavolfiore in pezzetti molto piccoli, quasi a creare una crema, un’altra parte di cavolfiore lasciatelo a pezzetti più grossi.
Riportate a ebollizione il preparato e buttateci la pasta (spaghetti spezzati) e cucinate.
Servite la minestra di cavolfiore con un filo d’olio extravergine d’oliva.
È un piatto ancora invernale della tradizione casalinga siciliana, servito come zuppa. Rinfrescante per l’apparato digerente. L’olio extravergine d’oliva è ricco di vitamine, fitosteroli, antiossidanti e acidi grassi monoinsaturi (prevengono le malattie cardiovascolari).

Seguici

 Facebook